Cenando con un libro

Standard
CENANDO CON UN LIBRO.
Il Circolo Letture Corsare, Parole&Musica onlus, soci Coop di Borgaro propongono per venerdì 19 Marzo un altro appuntamento che concilia la lettura all’alimentazione dopo quello dell’Epifania Letteraria. L’idea è venuta con la lettura del libro di Anna Maria Castagneri “Natura a Tavola” nella quale la scrittrice presenta 200 piatti semplici e gustosi nella tradizione dell’igienismo. Ad accettare la sfida gastronomica e letteraria sono ancora una volta i giovani gestori della Trattoria della Posta di via Diaz 23 a Borgaro che prepareranno una ghiotta e prelibata cena vegetariana sulla base di alcune ricette proposte dal libro della Castagneri (nella foto).
annamaria
La cena si svolgerà a partire dalle ore 20.30. Per chi è interessato e prenotare il suo posto a tavola può telefonare al 333.58.10.808 risponde Michelangelo
o direttamente alla Trattoria della Posta 011-470.11.01.
naturatavolacopertina
E’ fuor di dubbio che per ogni individuo il rapporto con il cibo è “vitale”,  lo è dalla notte dei tempi! Ma mangiare è anche un gesto culturale . Le pietanze e le bevande che ci accompagnano durante i nostri pasti appaiono come scelte spontanee ma non è così. In molti casi nelle scelte il fattore tempo e la realtà quotidiana condizionano le nostre scelte alimentari e anche i nostri gusti gastronomici. Fino a qualche decennio fa si mangiava perché si ubbidiva a dei condizionamenti  assorbiti fin dall’infanzia e che quindi diventano consuetudini e rituali dai quali difficilmente ci si staccava. Le nostre nonne quasi sempre presenti in cucina avevano un loro calendario settimanale fisso: il lunedì pasta e carne, il martedì pasta e uova, il mercoledì brodo e carne bianca, il giovedì gnocchi e carne insaccata, il venerdì pesce , il sabato riso e la domenica timballi di pasta con fritti e verdure. Non mancava la frutta , un dono degli dei, e in questo caso il calendario si adeguava alle stagioni nelle quali era l’estate la stagione dove la varietà era più sostanziosa con ciliegie, fragole, pesche, albicocche mentre con l’autunno erano le mele e le pere a farla da padrone. Con il tempo e l’avvento del frigorifero nelle case questa sorta di calendario alimentare si è andato esaurendo, le abitudini alimentari si sono sfumate, destrutturate anche per i ritmi lavorativi dove la ritualità del pranzo e della cena in casa diventa una abitudine ormai scomparsa vuoi perché le donne, le mamme hanno una loro attività lavorativa(e questo è positivo) vuoi per la scomparsa delle nonne, vuoi anche per i rapporti familiari sempre più complessi che non vedono se non nel tradizionale pranzo domenicale l’unico momento della settimana nel quale la famiglia si riunisce. Tutta questa premessa per comprendere la nostra sorpresa quando ci siamo trovati a contatto con Anna Maria Guerrieri e la sua scelta igienista. La nostra prima sensazione e reazione è stata di irritazione, con la volontà di “abbattere”  una vestale dell’ortodossia alimentare, dedita ad una sorta di religione alimentare che non può far parte della nostra realtà. Poi piano piano con una bella dose di lentezza (tutta da godere) ti accorgi che la scelta di Anna Maria è una scelta di vita, di qualità della vita non solo alimentare. Questa bella signora lancia una sorta di sfida molto ma molto amorevole che ha avuto un suo percorso tribolato ma che è con il tempo riuscita a realizzare. Non è stata la classica scelta da inquadrare nel solito recinto “faccio una dieta e così mi sento meglio” e come molti pensano “così ringiovanisco”. La scelta di Anna Maria è stata invece dosata, calibrata e accompagnata dal rispetto verso il prossimo. Lo abbiamo potuto constatare intorno ad una tavola in una splendida cena in una sorta di “battaglia dei gusti”, nella quale dobbiamo dire abbiamo invidiato a volte i piatti che venivano portati ad Anna Maria. La sua scelta igienista non la impone agli altri ma ne definisce il percorso, i temi e gli obiettivi e questo scusate l’ardire nel scriverlo “è rivoluzionario!”. Quindi è senza dubbio interessante almeno accostarsi alla sua scelta leggendo ma anche provando a cucinare e gustare le ricette che ha inserito nel suo libro “Natura a Tavola” con il sottotitolo “200 piatti semplici e gustosi nella tradizione dell’igienismo”. Il libro è il compendio della  volontà di fare una scelta igienista anche come scelta per migliore la sua vita. Lo si può comprendere leggendo la premessa o come lei ci ha spiegato a voce, con molta semplicità, mollando tutto dopo aver diretto per decenni una casa di riposo per anziani non autosufficienti  e spendendo i soldi della sua liquidazione nel progetto del libro. Una scelta di vita che l’ha realizzata, migliorata. Questo libro è uno strumento con il quale ha creato una rete di collaborazione e contatti con tante altre persone che hanno fatto la scelta igienista ma anche con chi ha voglia di conoscere l’igienismo. Un libro diviso in 16 capitoli dal primo che ricorda come “Cucinare è un momento sacro”, a quello nel quale spiega come “avvicinarsi all’igienismo per migliorare la propria salute. La salute senza medicine”. Sottolinea anche alcune tematiche importanti come quella dell’orientamento agli acquisti alimentari. Il libro poi passa “in cucina” con una sorta di introduzione agli attrezzi e alla dispensa che si utilizzano, come preparare e cuocere le verdure, alle gustose indicazione come “mangiare a colori”, come fare la spesa in ogni stagione, i condimenti essenziali, le verdure, la frutta e quello che lei definisce l”oro della terra” : i cereali. Un altro aspetto importante per Anna Maria è stato scrivere sulle proteine vegetali e poi i menù per l’occasioni particolari. Insomma una ghiotta proposta di lettura sull’alimentazione sana  che consigliamo e che vogliamo suggellare con un ultimo suggerimento della stessa Anna Maria “ Fai della cucina la tua stanza da gioco:accompagna la preparazione dei cibi con musica, inventa, crea, improvvisa, sperimenta, modifica, stupisciti della tua bravura… In poche parole..divertiti!”. E non rimane che aggiungere l’altro prezioso suggerimento scritto nella quarta di copertina “Cerca il gusto negli alimenti e troverai il gusto nella vita”.
Dario De Vecchis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...