Archivio mensile:maggio 2010

CIRCOLO LETTURE CORSARE @ L'ECO DI TORINO

Standard

L'ECO DI TORINO parla ancora di noi e dell'evento che ci vedrà coinvolti questa sera!

cacciolati eco di torinoEcco cosa si legge nell'articolo:

Serata da brividi al Circolo Letture Corsare, con il libro ''Tecla''. Borgaro Torinese (27 maggio)

<!– –>

26 / 05 / 2010 – Sempre alla ricerca di proposte di scrittori esordienti o poco conosciuti il Circolo Letture Corsare questo mese presenta il libro di Antonella Griseri “Tecla”. La scrittrice piemontese ha sviluppato in questi anni la sua grande passione per il teatro, che l'ha portata a recitare in diversi spettacoli e successivamente a debuttare come regista. Nel 1997 ha pubblicato “Nonno Livio” per la Maremmi Editori e nel 1999 il romanzo “Come il Fiume”per Alkalea. Con i racconti “Ombre” e “Aquila” vince il premio della giuria nel ’97 e il premio come miglior racconto nel ’98, al concorso letterario le “Alpi del Mare”. Nel 2008 pubblica la raccolta di poesie “Dell’Amore ed altri versi” per Edizioni GLI Spigolatori e “Lingue di confine”, antologia poetica per la Collana “Le Vene” Torino Poesia. Attualmente insegna recitazione e si occupa del Teatro-Poesia. In una recente intervista ha così risposto sulla sua passione per la scrittura

La passione per la scrittura nasce da un desiderio e si risolve nella volontà di dare vita e voce a personaggi che sono come embrioni che vivono in me e che vorrebbero diventare individui reali. Un uomo saggio conoscendo la mia inclinazione all’immaginazione e la mia indole sensibile e sognatrice, un giorno mi disse: “Non romanzare la realtà, scrivi”.

Veniamo a “Tecla”, pubblicato da Kimerik e che l’autrice definisce un romanzo d’amore. La trama parte dal mistero che si nasconde nella nuova parrocchia dove Padre Manuel viene trasferito con l'unica colpa di essere bello. La sua bellezza non passa inosservata e lo rende orgoglioso, ma allo stesso tempo colpevole peccatore di vanità e superbia. Un mistero è celato da quel luogo nuovo, sperduto ed inquietante, un mistero incredibile, inimmaginabile, che si mostrerà agli occhi del protagonista sconvolgendolo al punto da trascinarlo in un vortice dal quale potrà uscire solo affrontando le sue paure e la sua coscienza.

L’autrice ha dichiarato che questo libro

E’ il frutto di tutto ciò che ho letto e mi è rimasto nell'animo, Stephen king compreso. Poi il mio interesse per l’esorcismo dal punto di vista della Chiesa Cattolica,quindi autori come don Matteo Lagrua e Padre Amorth. Ma credo che più di tutto, ciò che ha prodotto lo schianto sia stato “Cime tempestose”, anche se ben lungi da voler anche solo nominare Emile Bronte per timore si possa pensare che voglia paragonarmi,è lei la mia musa.

Ricordiamo che l’incontro verrà presentato dal giovane scrittore Marco Cattarulla, un gradito esordio per il Circolo Letture Corsare. Cattarulla presenta così “Tecla:

Immaginate di percorrere una strada di campagna, magari a bordo della vostra fedele bicicletta, di ritorno da una bella pedalata tra i prati verdi circondati da montagne maestose. Immaginate la brezza novembrina che vi arrossa le gote ed inebria lo spirito ad ogni respiro. Ancora pochi minuti e tornerete dalla vostra famiglia, nella vostra casa, dove vi attende una tazza di the caldo e una sostanziosa merenda. Già sentite il tepore della stufa accesa che scaccia via l’umidità della sera… e poi vi fermate, immobili, poggiando un piede a terra. Un cancello. Un cancello posto a guardia del nulla. Alto, solenne e arrugginito, spoglio di qualsiasi recinzione. "Come l’unica parte visibile di una cancellata fantasma". E davanti a questa porta maledetta lui, don Manuel, il sacerdote del paese. Giovane, di bell’aspetto, che cinge un crocifisso in una mano, il capo chino e concentrato nel ripetere all’infinito vane preghiere. Dietro al cancello e fino all’orizzonte la natura pare adirarsi, ululare di dolore e avvinghiarsi su se stessa udendo le parole del prete. E lassù, in alto, oltre il bosco, un’antica e dimenticata villa, che si staglia davanti al cielo plumbeo come un antico mausoleo invaso da edere e rovi. La dimora di Tecla….

Una serata da brividi al Circolo Letture Corsare di Borgaro

Annunci

LOCANDINA EVENTO GIOVEDì 27 MAGGIO – ANTONELLA GRISERI

Standard

Amici di Letture Corsare, ecco a voi la locandina dell'evento di domani, giovedì 27 maggio 2010. Evento succulento per il nostro Circolo che vede impegnato il nostro Corsaro Marco Cattarulla con la presentazione del libro di Antonella Griseri dal titolo "Tecla".

LOCANDINA EVENTO GIOVEDì 27 MAGGIO - ANTONELLA GRISERIImmaginate di percorrere una strada di campagna, magari a bordo della vostra fedele bicicletta, di ritorno da una bella pedalata tra i prati verdi circondati da montagne maestose.
Immaginate la brezza novembrina che vi arrossa le gote ed inebria lo spirito ad ogni respiro. Ancora pochi minuti e tornerete dalla vostra famiglia, nella vostra casa, dove vi attende una tazza di the caldo e una sostanziosa merenda. Già sentite il tepore della stufa accesa che scaccia via l’umidità della sera… e poi vi fermate, immobili, poggiando un piede a terra.
Un cancello.
Un cancello posto a guardia del nulla. Alto, solenne e arrugginito, spoglio di qualsiasi recinzione. "Come l’unica parte visibile di una cancellata fantasma".
E davanti a questa porta maledetta lui, don Manuel, il sacerdote del paese. Giovane, di bell’aspetto, che cinge un crocifisso in una mano, il capo chino e concentrato nel ripetere all’infinito vane preghiere. Dietro al cancello e fino all’orizzonte la natura pare adirarsi, ululare di dolore e avvinghiarsi su se stessa udendo le parole del prete. E lassù, in alto, oltre il bosco, un’antica e dimenticata villa, che si staglia davanti al cielo plumbeo come un antico mausoleo invaso da edere e rovi.
La dimora di Tecla…

LOCANDINA EVENTO GIOVEDì 27 MAGGIO - ANTONELLA GRISERI

Con Tecla (Kimerik, 2009), Antonella Griseri ci abbraccia con un ritmo incalzante ed un equilibrio narrativo esemplare, accompagnandoci alla scoperta di Padre Manuel, un giovane sacerdote dall’aspetto piacevole e con alle spalle una storia tanto tremenda da minargli la fede. Incaricato di presiedere una parrocchia sperduta tra le montagne, ben presto si accorge dell’ambiguità dei fedeli che frequentano la vita religiosa, della forzata compagnia di una vecchia perpetua che cela segreti innominabili e dell’atteggiamento restio a cospetto della sua bellezza. E quando Manuel scoprirà l’esistenza della donna che da un secolo vive sola nella sua dimora dimenticata da tutti – persino da Dio – neanche gli ammonimenti di un saggio medico riusciranno a tenerlo lontano dal segreto che nessuno nel paese osa profanare.
Una storia scritta magistralmente, capace di accarezzare il lettore lungo il percorso che porterà a quel maledetto cancello ed oltre, fino alla resa dei conti finale.
Dove forse neanche la fede più cieca basterà a sopravvivere

<!–

–>
 

NUOVO EVENTO CIRCOLO LETTURE CORSARE – TECLA – ANTONELLA GRISERI

Standard

Un nuovo evento presso il Circolo Letture Corsare: il nostro corsaro Marco Cattarulla  si vedrà impegnato nella presentazione del libro di Antonella Griseri dal titolo "Tecla".
L'appuntamento è fissato per Giovedì 27 maggio ore 21 presso la sede in Via Diaz 15 a Borgaro.

Vi aspettiamo numerosi.

Immaginate di percorrere una strada di campagna, magari a bordo della vostra fedele bicicletta, di ritorno da una bella pedalata tra i prati verdi circondati da montagne maestose.
Immaginate la brezza novembrina che vi arrossa le gote ed inebria lo spirito ad ogni respiro. Ancora pochi minuti e tornerete dalla vostra famiglia, nella vostra casa, dove vi attende una tazza di the caldo e una sostanziosa merenda. Già sentite il tepore della stufa accesa che scaccia via l’umidità della sera… e poi vi fermate, immobili, poggiando un piede a terra.
Un cancello.
Un cancello posto a guardia del nulla. Alto, solenne e arrugginito, spoglio di qualsiasi recinzione. "Come l’unica parte visibile di una cancellata fantasma".
E davanti a questa porta maledetta lui, don Manuel, il sacerdote del paese. Giovane, di bell’aspetto, che cinge un crocifisso in una mano, il capo chino e concentrato nel ripetere all’infinito vane preghiere. Dietro al cancello e fino all’orizzonte la natura pare adirarsi, ululare di dolore e avvinghiarsi su se stessa udendo le parole del prete. E lassù, in alto, oltre il bosco, un’antica e dimenticata villa, che si staglia davanti al cielo plumbeo come un antico mausoleo invaso da edere e rovi.
La dimora di Tecla…

Antonella Griseri, (Mondovì ,Cuneo 1 marzo 1973), laureata in Lettere ad indirizzo artistico musicale e dello spettacolo, oltre ad essere un’affermata scrittrice si occupa anche di teatro, come attrice e regsista. Dalla sua penna hanno visto la luce Nonno Livio (Maremmani editore, 1997), Come il Fiume (Alkalea, 1999), i racconti "Ombre" e "Aquila" (vincitori del premio Giuria e Miglior racconto al concorso letterario " Alpi del Mare"), Dell’amore ed altri versi (Edizioni Gli Spigolatori, 2008), Lingua di confine (Collana "Le Vene", 2008).

 

Con Tecla (Kimerik, 2009), Antonella Griseri ci abbraccia con un ritmo incalzante ed un equilibrio narrativo esemplare, accompagnandoci alla scoperta di Padre Manuel, un giovane sacerdote dall’aspetto piacevole e con alle spalle una storia tanto tremenda da minargli la fede. Incaricato di presiedere una parrocchia sperduta tra le montagne, ben presto si accorge dell’ambiguità dei fedeli che frequentano la vita religiosa, della forzata compagnia di una vecchia perpetua che cela segreti innominabili e dell’atteggiamento restio a cospetto della sua bellezza. E quando Manuel scoprirà l’esistenza della donna che da un secolo vive sola nella sua dimora dimenticata da tutti – persino da Dio – neanche gli ammonimenti di un saggio medico riusciranno a tenerlo lontano dal segreto che nessuno nel paese osa profanare.
Una storia scritta magistralmente, capace di accarezzare il lettore lungo il percorso che porterà a quel maledetto cancello ed oltre, fino alla resa dei conti finale.
Dove forse neanche la fede più cieca basterà a sopravvivere

Presentazione del libro di Mercalli – Che tempo che farà!

Standard

Siamo lieti di invitarvi ad un nuovo evento organizzato dai nostri amici del Circolo Berlinguer. Noi del Circolo Letture Corsare ve lo consigliamo caldamente.

copertina che tempo che farà

E’ un ritorno quanto mai gradito e cercato  per  il Circolo Berlinguer di Borgaro T.se quello di  Luca Mercalli che sarà presente giovedì 6 maggio alle ore 21 presso la  sede borgarese di via Diaz 15. Mercalli mancava da Borgaro dal 2006 nonostante una serie di incontri sempre organizzati dal Circolo Berliguer negli anni passati in realtà limitrofe al territorio borgarese come Caselle e Mappano. Noto al pubblico come il meteorologo della trasmissione di Rai Tre "Che tempo che fa" condotta da Fabio Fazio, Mercalli presenterà a Borgaro il suo ultimo libro di divulgazione scientifica che ricorda il titolo della trasmissione "Che tempo che farà" . Mercalli nel libro descrive l’attualità odierna dell’atmosfera terrestre con dati certi e che vogliono fare chiarezza e non catastrofismo. Lo scienziato si pone nel libro delle domande: l'aumento della temperatura, il ritiro dei ghiacciai e l'innalzamento dei livelli del mare sono ormai fenomeni assodati, ma perché tutto ciò accade? In che condizioni vivremo fra cinquant'anni? I titoli che leggiamo sono esclusivamente frutto dell'allarmismo o stiamo davvero andando incontro a una mutazione climatica irreversibile, causata dall'uomo?. Tracciando una breve storia del clima sul nostro pianeta, con ampie sezioni dedicate al caso particolare dell'Italia, nel libro Mercalli vuole chiarire i rischi che ci troveremo ad affrontare in un domani non troppo lontano e propone alcuni accorgimenti da prendere fin da ora per limitare le emissioni di gas serra. Perché, se non iniziamo subito a utilizzare gli strumenti di cui già disponiamo, difficilmente otterremo in seguito risultati apprezzabili. Sono tematiche, da anni al centro del dibattito scientifico e politico e che gli organizzatori del Circolo Berlinguer insieme a PeM onlus e ATA, che collaborano all’organizzazione dell’incontro, credono possano interessare i cittadini interessati soprattutto giovani che sperano raccolgano l’invito a partecipare. Segue locandina della manifestazione.
locandina che tempo che farò