Archivio mensile:maggio 2011

CIRCOLO LETTURE CORSARE @ IL RISVEGLIO per "PORTA DI CONFINE" di DORIANA DE VECCHI

Standard

In merito al gustosissimo appuntamento di marzo che ha visto protagonisti il corsaro Alessandro Del Gaudio a presentare il libro "Porta di confine" della scrittrice (nonchè corsara) Doriana De Vecchi è apparso sul Risveglio un articolo che vi proponiamo, confidando che farà certo piacere alle vostre papille gustative letterarie e curiose.
Buona lettura

CircoloLettureCorsareIlRisveglioPresentazionePortadiConfine2011marzo17
Nell'articolo si legge:

 

CULTURA: IL LIBRO DI DORIANA DE VECCHI "PORTA DI CONFINE"
 
BORGARO – Un po' ospite, un po' padrona di casa (in quanto membro del "Circolo Letture Corsare"), Doriana De Vecchi ha presentato giovedì sera 10 marzo, la sua ultima fatica letteraria intitolata "Porta di confine", presso la sede dell'instancabile circolo letterario di Via Diaz, come è ormai noto, da una costola dello storico "Berlinguer" di Borgaro.  A moderare l'interessante incontro-presentazione, tutto giocato in casa, un'altra delle colonne del circolo, Alessandro Del Gaudio, molto abile, tra l'altro, nel trovare parallelismi tra il romanzo e la stessa vita dell'autrice: 25 anni la protagonista del racconto, per esempio, e 25 gli anni della De Vecchi quando l'ha scritto ("la prima parola l'ho scritta il giorno stesso nel quale mi è stato recapitato a casa il mio libro precedente", ha spiegato). "La storia inizia in una città – ha raccontato Del Gaudio – Una città come tante. Poco dopo, però, la vicenda si sposta in una dimensione irreale. Un passaggio che coglie di sorpresa non solo la protagonista, ma anche il lettore. E questo spostamento avviene perchè la protagonista ha un problema: perde il tempo e lo spazio". Di qui il suo percorso, nel corso del quale, come già Dante nella Divina Commedia, incontra altre figure, a volte positive, a volte negative. Un percorso certo non semplice, che per certi versi porta alla scoperta di una parte profonda e segreta dell'anima della De Vecchi, che ha dispensato un po' di se stessa su queste pagine (un po' autobiografiche?) così come aveva fatto con il suo primo libro "Fogli sgualciti".
Annunci

CIRCOLO LETTURE CORSARE @ IL CANAVESE per RACCONTI CORSARI ALLE LIBRERIE COOP

Standard

Un'altra piccola soddisfazione targata Racconti Corsari e che ha visto protagonisti alcuni nostri corsari e la giuria di qualità del nostro concorso letterario, approdato alle prestigiose Librerie Coop di Piazza Castello.
Ecco a voi l'articolo apparso giorni scorsi sul Canavese
Buona lettura

RaccontiCorsariLibrerieCoopIlCanavese2011aprile27Nell'articolo si legge:

I CORSARI SBARCANO NELLE LIBRERIE COOP
 
BORGARO TORINESE: il premio letterario nazionale "Racconti Corsari" ha messo a segno un altro obiettivo. Sabato 16 aprile in piazza Castello a Torino, il libro edito dai racconti vincitori è sbarcato alle Librerie Coop. Una enorme soddisfazione per Dario De Vecchis ideatore e promotore del concorso che davanti al folto pubblico ne ha spiegato l'idea e la storia. Ha accompagnato il suo intervento con un coloratissimo gomitolo di lana che ha srotolato e consegnato ai "compagni di viaggio" di questa avventura editoriale ad iniziare da Michelangelo Bertuglia, editore di "Parole e Musica", la casa editrice che pubblica tutti gli anni la raccolta dei racconti vincitori. Il simbolo che unisce tutti gli scrittori, un progetto che ancora prosegue. Durante la giornata sono stati presentati al pubblico i racconti vincitori della edizione 2010 con la sapiente conduzione da parte di Gioacchino Maida della direzione soci e consumatori della Novacoop e di Roberto Rinaldi presidente dalla sezione borgarese. C'è stato anche il lancio ufficiale della settima edizione già partita dello scorso mese di febbraio. I vincitori della sesta edizione sono stati presentati e interpellati da alcuni componenti della giuria di qualità. Andrea Borla, Guerrino Babbini e Robertino Bechis. Durante l'incontro è stato ricordato Michele Caputo, compianto dirigente della cooperativa, che contribuì fin dalla prima edizione di "Racconti Corsari" all'organizzazione del premio e alla partecipazione diretta della Coop nel comitato procinatore attraverso le sezioni dei soci di Borgaro e Ciriè.

ECO DEL LIBRO –> CIRCOLO LETTURE CORSARE per "Il cavallo a dondolo"

Standard

Continua il consueto ma mai solito appuntamento con le recensioni di libri "Eco del Libro" per il giornale multimediale "Eco di Torino", coordinato con il supporto del nostro validissimo staff del Circolo Letture Corsare
Questa è la volta di Mauro  Colliandro che ci propone il libro "Il cavallo a dondolo" di Enrico Job.

cacciolati eco di torinoLink diretto all'articolo: http://www.ecoditorino.org/recensione-il-cavallo-a-dondolo-di-job-enrico-eco-del-libro.htm

nell'articolo si legge:

Recensione: Il Cavallo a dondolo, di Enrico Job (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-il-cavallo-a-dondolo-di-job-enrico-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

03 / 05 / 2011 – Recensione numero trentuno per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

Vi proponiamo una storia d’amore, un’amore intenso, tragico e amaro. Una storia d’amore che va oltre la vita e che nella vita si è alimentata con il ricordo, anche dopo le vicende materiali del rapporto. Ambientata in parallelo tra il 1861 e il 1901, a Venezia, la storia è quella di un uomo, prima giovane e povero istitutore veneziano di nobile famiglia decaduta e poi anziano professore attanagliato dalla nostalgia. Achille, il nome del protagonista, da giovanissimo partecipa come volontario garibaldino alla guerra d’indipendenza. Il ricordo della battaglia, del sapore della morte, ritorna. I pensieri rimangono indelebili nella sua mente, anche nei momenti più felici della sua intensa vita. Le disgrazie e le avversità economiche, con la morte del padre, fanno cadere in disgrazia la sua famiglia. La madre trova ospitalità dalla sorella e il giovane viene assunto come istitutore presso i Zanin, ricca e nobile famiglia veneziana. Si invaghisce della contessa Lia, una giovane donna dì circa trent'anni. Il ragazzo è subito preda di una passione che travolgerà anche la donna, in un rapporto intensamente erotico, ma per il ragazzo carico d'amore. Un sentimento che l'amante, affetta da ninfomania, non prova o almeno non crede di provare e nel mezzo di una vacanza lascerà lui per inseguire le sue pulsazioni erotiche. Molti anni dopo Achille sposato e padre di tre figlie, vive ancora il ricordo della splendida Lia e dell’ultimo incontro avvenuto con la donna nella stanza di un manicomio. L’anziano Achille, deluso, trova conforto e un senso alla sua vita nelle sue bambine e nell'incanto della loro giovane età. La storia arriva ai giorni nostri nella vecchia casa di campagna di Achille, dove si aggirano i fantasmi dell’uomo e della sua famiglia. Le loro voci rendono note le future felici vicende ma anche l’infelicità della figlia minore di Achille, pure lei lì, ombra come lui. Quella piccola divenuta con il tempo madre della voce narrante della storia che ha un grande desiderio, stare accanto al fantasma materno e giocare con quel cavallo a dondolo, custodito nella soffitta. Questa è la storia de “Il Cavallo a dondolo”, buon libro scritto da Enrico Job con grande eleganza. Raffinato ed elegante, dobbiamo sottolineare di Job anche la pregevole fattura stilistica nella descrizione dell’epoca, in particolare gli ambienti e i paesaggi immersi nell'Italia post risorgimentale e di inizio Novecento.

(Mauro Colliandro)

Il Cavallo a dondolo
di Enrico Job
Frassinelli
152 pagine
16 euro

CIRCOLO LETTURE CORSARE @ LA NUOVA VOCE per il nuovo libro di CHiarella / Babbini

Standard

Manca da un po' di tempo la rassegna stampa del nostro Circolo Letterario, e di questo ci scusiamo con i nostri lettori. Per riprendere questa rubrica dedicata agli articoli di giornale che parlano del nostro staff e delle nostre attività lasciamo qui la recensione apparsa su "La Nuova Voce" per il libro di Daniele Chiarella e Guerrino Babbini "La terra dei gamberi ed i sentieri dei Balanta" Edizioni Parole e Musica

Buona lettura

PMEdizioniTerraGamberiSentieriBalantaLaNuovaVoce2011aprile27Nell'articolo si legge:

DANIELE CHIARELLA RACCONTA L'AFRICA
 
Daniele Chiarella ci ha preso gusto ed ha dato alle stampe il suo secondo volume. Il leader della band Fanali di Scorta torna in libreria con un'opera composta a sei mani con la collaborazione di Guerrino Babbini e Armando Cossa. Si tratta di "La terra dei gamberi e i sentieri dei Balanta", edizioni Parole & Musica, una raccolta di tre racconti, tre esperienze diverse nel continente nero.
Tutti i proventi – spiegano gli autori – verranno utilizzati per iniziative di solidarietà rivolte agli africani. In particolar modo serviranno a finanziare un progetto di stampa di un opuscolo da colorare destinato ai bambini delle scuole inferiori africane con l'intento di divulgare cinque semplici regole di igiene per diffondere la cultura della salute e della pulizia anche in condizioni disagiate". Anche per questo motivo si è scelto di vendere il volume a soli 5 euro più eventuali spese di spedizione. Per informazioni e prenotazioni: danielechiarella@libero.it

ECO DEL LIBRO –> CIRCOLO LETTURE CORSARE per La terra dei gamberi e dei balanta

Standard

31 ^ esima recensione di libri per la rubrica "Eco del Libro" promossa dall'Eco di Torino in collaborazione con l'attivissimo circolo letterario Borgarese "Circolo Letture Corsare". Questa è la volta del nostro capitano corsaro Dario De Vecchis che ci propone il libro "La terra dei gamberi e i sentieri dei Balanta" di Daniele Chiarella, Guerrino Babbini e padre Armando Cossa.

cacciolati eco di torino
Link diretto all'articolo: http://www.ecoditorino.org/recensione-la-terra-dei-gamberi-e-i-sentieri-dei-balanta-di-chiarella-babbini-cossa-eco-del-libro.htm

nell'articolo si legge:

Recensione: La Terra dei Gamberi e i Sentieri dei Balanta, di Chiarella-Babbini-Cossa (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-la-terra-dei-gamberi-e-i-sentieri-dei-balanta-di-chiarella-babbini-cossa-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

26 / 04 / 2011 – Recensione numero trentuno per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

Parole e Musica edizioni, la casa editrice di Borgaro Torinese annuncia l’uscita di un nuovo libro che si affianca ai nove già pubblicati in sei anni: di Daniele Chiarella, Guerrino Babbini e padre Armando Cossa, “La Terra dei Gamberi e i Sentieri dei Balanta”.
120 pagine nelle quali gli autori raccontano le loro esperienze africane in Camerun e in Guinea. Un libro scritto da persone che sanno mettersi in gioco e che non si fanno problemi. Si sono incontrati e hanno detto “scriviamo quello che abbiamo visto con i nostri occhi, quello che abbiamo provato e quello che possiamo costruire per l’Africa”.
Già, costruire per l’Africa! Un obiettivo che per Chiarella, tornato dal Camerun dove ha fatto conoscere la canzone d’autore italiana e suonato con bravi musicisti locali, è diventato un chiodo fisso. Raccogliere fondi per comprare strumenti e donarli ai musicisti camerunesi, per aprire scuole di musica ma non solo. Daniele Chiarella ricorda infatti che “in particolar modo serviranno a finanziare un progetto di stampa di un opuscolo da colorare destinato ai bambini delle scuole inferiori africane con l’intento di divulgare 5 semplici regole di igiene basilare per diffondere e propagandare una cultura di salute e pulizia anche in condizioni disagiate”.
Il libro porterà il lettore a conoscere anche l’impegno di Babbini, e i suoi amici di “Abalalite”, portato avanti in Guinea, insieme alla popolazione dei Balanta Brassa. Di questi ultimi padre Armando descrive al meglio le tradizioni.
L'obiettivo, oltre a coinvolgere i lettori in un atmosfera unica, è quello di raccogliere fondi destinati ai progetti in Guinea e in Camerun. Gli autori sottolineano anche che “non tragga in inganno la prima parte del titolo “La terra dei Gamberi…” non vogliamo arretrare anzi la nostra volontà è quella di camminare fianco a fianco a queste popolazioni con reciproca dignità e rispetto”.

(Dario De Vecchis)

La Terra dei Gamberi e i Sentieri dei Balanta
di Daniele Chiarella, Guerrino Babbini e padre Armando Cossa
Parole e Musica edizioni
120 pagine
5 euro

POETRY SLAM CORSARO – 13 Maggio 2011 – cosa aspetti?

Standard

Da un'idea dei giovani corsari Doriana De Vecchi e Alessandro Del Gaudio ecco al via il "Poetry Slam Corsaro 2011". Ricordiamo l'appuntamento per il 13 maggio 2011, ore 21 presso la Trattoria della Posta, in via diaz 25 a Borgaro.
Ecco il volantino della serata.

slam volanti

è tutto pronto. manca solo il pubblico. Cosa aspetti a raggiungerci?