Il Circolo Letture Corsare ricorda Antonio Tabucchi ad un anno dalla sua morte con la recensione del suo libro manifesto “Sostiene Pereira”!

Standard

Per ricordare Antonio Tabucchi ad un anno dalla sua improvvisa morte vogliamo proporre la recensione del libro più famoso e amato “Sostiene Pereira” edito dalla Feltrinelli. La prima stesura di questa recensione è stata pubblicata nel 1995 sulla rubrica “Un libro e un autore” del mensile Non Solo Contro. L’abbiamo rivista ma in buona sostanza rimane inalterata la struttura per un libro uscito solo l’anno precedente e ancora non etichettato come un vero best sellers e reso grande al cinema dal regista Faenza e dall’interpretazione magistrale di Marcello Mastroianni. Un semplice tributo ad un grande scrittore…Antonio Tabucchi!

“Per chi è fans e lettore di Antonio Tabucchi dal tempo di “Piazza Italia”, la saga di una famiglia di anarchici, non dovrebbe sorprendersi di questo personaggio: un vecchio giornalista dal nome altisonante: Pereira. Il signor Pereira è un sessantenne, vedovo, moderato e molto cattolico. Giornalista responsabile della pagina culturale del “Lisboa”, quotidiano della capitale portoghese al tempo di Salazar. La vicenda nel quale si muove Pereira si svolge in un periodo tragico della storia dell’umanit, a soli due anni dallo scoppio della Seconda guerra Mondiale e nel pieno dello scontro della guerra civile in Spagna. Pereira vive con moderazione, attento alle virgole della vita e rispsettoso del quieto vivere. Cerca di sopravvivere. “Incappa” però nella figura del giovane antifascista Monteiro Rossi, di origine italiana, e della sua fidanzata Marta e trova una carica nuova per vivere e credere in alti valori come la democrazia e la libertà. Capisce che “si può cambiare solo se si vuole “, come gli ricorderà una incantevole signora tedesca incontrata sul treno di ritorno da una breve vacanza. Comprende che con poco si può essere diversi e che importanti lo si può diventare traducendo solo alcuni scrittori francesi o non cestinando improbabili biografie come quella di Garcia Lorca propostagli dal suo giovane praticante antifascista., che per quest’ultimo sarà la causa della violenza morte avvenuta nella casa di Pereira ad opera degli sgherri di Salazar. Questo tragico avvenimento sarà per Pereira il salto definitivo, il cambiamento della sua modesta vita. La beffa che compie al proprio giornale e al potere salazarista facendo pubblicare il necrologio per la morte del suo praticante. Un gesto di Pereira che appare anche un gesto paterno per quel figlio mai avuto, è un gesto nobile e allo stesso tempo pieno di una carica vitale che commuove il lettore. Pereiraalla riuscita della beffa scompare e Tabucchi ne racconta le gesta attraverso un ipotetico fantasma che gli appare in sogno e ne racconta la storia sostenendo appunto che così è avvenuta la storia. Una vicenda minima che fa emergere un piccolo personaggio che ha sostenuto una grande prova d’amore e di libertà”. Dario De Vecchis

“Sostiene Pereira” di Antonio Tabucchi, Feltrinelli,1994,pagg.214, 7.50 euro

Annunci

Informazioni su circololetturecorsare

Siamo il Circolo Letture Corsare e non abbiamo scopi di lucro. Siamo un gruppo di scrittori appassionati di lettura, dai racconti alle poesie, dai romanzi alla narrativa di genere, e organizziamo presentazioni di libri in Borgaro e Caselle (TORINO) se interessati contattateci! Per info o collaborare con noi scrivici una mail: letturecorsare@libero.it

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...