Archivi tag: bio

Festa Circolo Letture Corsare / presentazione libro Chiarella / concerto Fanali di Scorta

Standard

Si festeggia l'inizio del nuovo anno di presentazioni ed eventi culturali al Circolo Letture Corsare con la serata di sabato 4 settembre (presentazione del libro di Daniele Chiarella e concerto dei Fanali di Scorta).
L'Eco di Torino, per questa occasione, ha pubblicato un articolo al seguente link:

http://www.ecoditorino.org/festa-a-borgaro-con-i-fanali-di-scorta-e-il-libro-leon-e-isabelle-4-settembre.htm

cacciolati eco di torinoNell'articolo si legge:

Festa a Borgaro con i Fanali di Scorta e il libro ''Leon e Isabelle'' (4 settembre)

<!– –>

30 / 08 / 2010 – L’appuntamento è fissato per sabato, presso la sede dell’associazione Parole e Musica onlus dove è stata organizzata una festa con presentazione del libro di Daniele Chiarella "Leon e Isabelle" e il concerto dei Fanali di Scorta, nell’ambito delle iniziative del Settembre Borgarese. All'evento contribuiranno il Circolo Letture Corsare, la sezione soci Coop di Borgaro e il comitato territoriale della UISP di Settimo-Ciriè-Chivasso, nonché il Circolo Culturale "E. Berlinguer". Preziosa la collaborazione di Alessandra e Mirko, gestori della Trattoria della Posta, che allestiranno il catering nel cortile della sede rinnovando così la positiva esperienza dell’Epifania Letteraria, svoltasi all’inizio dell’anno.

Dove?

  • Parole e Musica onlus
    via Diaz 15, Borgaro Torinese

Quando?

  • sabato 4 settembre 2010
    ore 21
Annunci

PROSSIMO EVENTO CIRCOLO LETTURE CORSARE – DANIELE CHIARELLA con LEON E ISABELLE

Standard

Prima di augurarvi Buone Vacanze il Circolo Letture Corsare vuole già rendervi nota la data della prossima presentazione di libri. Si tratta infatti della presentazione del libro "Leon e Isabelle" di Daniele Chiarella, edito da Parole&Musica, che si terrà sabato 4 settembre ore 21.30 con servizio bar della Trattoria della Posta. Durante la serata ci sarà il concerto dei Fanali di Scorta.
PROSSIMO EVENTO CIRCOLO LETTURE CORSARE - DANIELE CHIARELLA con LEON E ISABELLELa Edizioni Parole& Musica ha pubblicato un nuovo libro dal titolo “ Leon e Isabelle” del quale autore è Daniele Chiarella. Chiarella che conosciamo per la sua attività musicale come leader dei “Fanali di Scorta” si propone questa volta con un racconto che è un omaggio ad una donna, una magnifica donna…la sua nonna . Ha dato così corpo ad una singolare ballata in prosa dove ha voluto mettere insieme i ricordi di guerra della nonna con la forte volontà di mettere in luce della guerra non solo la drammaticità ma anche le forti contraddizioni che porta e fa emergere . Molti dei  personaggi di “Leon ed Isabelle” sono realmente esistiti.”E’ stato un viaggio a ritroso attraverso le personalità e le emozioni della mia famiglia- ci ricorda Chiarella– Ora non sono sicuro che le sensazioni da me raccontate siano esattamente quelle provate dai personaggi , ma penso di esserci andato vicino e questo mi ha reso criticamente fiero delle mie radici”. Un racconto che ha sullo sfondo la guerra , la seconda guerra mondialeche per Daniele “ .. è un pretesto, uno sfondo per analizzare i turbamenti e le feroci sensazioni che possono scaturire quando ci si trova di fronte a situazioni disumane. Perchè la violenza è disumana e contraria alla nostra intelligenza e questo è ovvio, ma credo sia più atroce essere costretti a doversi difendere dalla brutalità e dalla prevaricazione. A quel punto ognuno sceglie la sua via ed è molto difficile giudicare quale possa essere la giusta soluzione..”. Un libro intenso che vogliamo sottolineare come piccola casa editrice è una nuova occasione per dare voce ai giovani o parlare di loro come fatto con i precedenti libri “E’ stata pura gioia” e “Teresa va in piscina”. L’appuntamento per tutti è fissato il 4 settembre alle ore 21 presso la sede dell’associazione dove abbiamo organizzato una festa con presentazione del libro e concerto dei Fanali di Scorta nell’ambito delle iniziative del Settembre Borgarese. A questa iniziativa contribuiranno  il Circolo Letture Corsare, la sezione soci Coop di Borgaro e il comitato territoriale della UISP di Settimo-Ciriè-Chivasso con  la preziosa collaborazione di Alessandra e Mirko gestori della Trattoria della Posta che allestiranno il catering nel cortile della sede rinnovando così la positiva esperienza dell’Epifania Letteraria svoltasi all’inizio dell’anno. 

PROSSIMO EVENTO CIRCOLO LETTURE CORSARE - DANIELE CHIARELLA con LEON E ISABELLEPer chi ha già voglia di acquistare il libro (dal costo di copertina di 5 euro) basta contattare l’autore alla mail danielechiarella@libero.it

Accorrete numerosi!
 

UN ANNO DI CIRCOLO LETTURE CORSARE – LA VOCE DI BORLA e DEL GUADIO

Standard

Ad un anno dalla nascita del Circolo Letture ecco il fuori onda delle impressioni dei nostri corsari Borla e Del Gaudio.

BORLA

Ad un anno dalla nascita del Circolo Letture Corsare che giudizio dai su questa esperienza?
Andare alla scoperta di nuovi libri è sempre un’esperienza entusiasmante. In questo primo anno la maggior parte delle presentazioni ha riguardato opere di case editrici di media e piccola dimensione, e ha dimostrato che l’editoria di qualità non è strettamente legata alle aziende che dominano il mercato editoriale.
Quale  lo scrittore o scrittrice che ti ha più colpito di quelli presentati?
“La di-gestione del personale” di Paolo Cacciolati. Il libro, edito da TEA, mescola una riflessione tagliente sul mondo del lavoro con atmosfere da thriller. Il primo capitolo si apre con Mirco Michichi che si aggira nei corridoi di un’azienda, ormai vuoti dopo l’uscita del personale, armato e con un cadavere alle spalle. Passo dopo passo, il protagonista ripercorrerà parte delle sua vita con un meccanismo di flashback reso dall’autore in maniera molto efficace: è l’agenda elettronica di Mirco ad aiutarlo a ricostruire movimenti e incontri, un gesto oggi piuttosto consueto, ma che rappresenta un inquietante segno dei tempi.
Ai lettori del NSC uno o più consigli di lettura per questa estate?
“Sushi sotto la Mole”, il nuovo romanzo di un giovane autore torinese, Fabio Beccacini. È un noir incentrato sulla figura del Commissario Paludi, che si trova a indagare su alcune morti apparentemente senza movente. Accanto al filone principale della narrazione troviamo alcune altre storie, apparentemente distanti dalla prima, che trovano nel finale un inaspettato e molto riuscito collegamento. Consiglio il libro anche per il linguaggio che viene utilizzato dall’autore, caratterizzato da sempre nuove invenzioni linguistiche, decisamente azzeccate.

DEL GAUDIO

Ad un anno dalla nascita del Circolo Letture Corsare che giudizio dai su questa esperienza?
Personalmente, per quanto mi è stato possibile, ho accolto questa iniziativa con entusiasmo, perché un autore ha bisogno di spazi per presentarsi e non sempre ne trova. Il circolo è costituito da "addetti ai lavori" che sanno perfettamente cosa vuol dire barcamenarsi nel difficile settore dell'editoria, per cui riservare un'intera serata a un autore e a un libro è quanto di più prezioso possa esserci.
Quale  lo scrittore o scrittrice che ti ha più colpito di quelli presentati?
Tra quelli che ho seguito mi è piaciuta molto la presentazione di Antonella Griseri e del suo Tekla, un romanzo gotico che cerca di recupare le atmosfere dei classici del genere dell'800. Conoscendo anche i posti a cui, quasi certamente, si è ispirata per scrivere questo libro e la gente che vi abita mi sono identificato nei suoi racconti e nella descrizione della location che ha scelto per l'intreccio, quasi un personaggio a sé.
Ai lettori del NSC uno o più consigli di lettura per questa estate?
“Il paese dei filosofi con gli stivali”, è un resoconto-romanzo scritto da una giovane autrice veneta che attualmente vive a Torino. Il suo nome è Laura Frassetto. Parla del suo viaggio in Messico e racconta questo paese con ironia e poesia, descrivendo i posti prima dal loro lato umano che geografico. Io l'ho trovato davvero gradevole e, pur essendo scritto da un'antropologa, non cerca di sciorinare inutili tecnicismi, ma di calarsi molto nei panni del viaggiatore che non è mai stato in Messico prima, e del comune lettore poi

ARRIVEDERCI A SETTEMBRE

CIRCOLO LETTURE CORSARE @ NON SOLO CONTRO

Standard

In anteprima l'articolo che è stato scritto in occasione dei festeggiamenti per un anno di attività del nostro circolo Letture Corsare, con la speranza che il giornale NonSoloContro non ce lo tagli perchè è davvero molto gustoso da leggere. Nel ringraziare la truppa dei corsari per questo anno intenso e coinvolgente vi lascio alla lettura dell'articolo.

Circolo Letture Corsare: insieme siamo una forza!
 

Il Circolo Letture Corsare nato da un anno da una “costola” del circolo Berlinguer è ormai una realtà viva nel panorama associativo locale. Abbiamo chiesto ai componenti di questo convivio letterario di rispondere ad alcune semplici domande e di indicare ai lettori del NSC alcuni consigli di lettura per questa estate. Ecco le risposte di Doriana De Vecchi,  Robertino Bechis, Caterina Di Mauro e Marco Cattarulla. Ad un anno dalla nascita del Circolo Letture Corsare che giudizio dai su questa esperienza? De Vecchi Esperienza sicuramente positiva perchè in un circolo letterario come il nostro c'è la possibilità di entrare in contatto diretto con gli autori di libri di argomenti sempre diversi che ci spingono a riflettere anche su tematiche che non fanno parte del nostro quotidiano. il lettore e lo scrittore diventano una persona sola, si fondono nel confronto vicendevole dei loro pensieri /ideologie” Bechis Esperienza certamente coinvolgente e positiva. Tentativo senza dubbio sperimentale, vista l'idea di dare voce a nuovi autori sconosciuti, di diffondere un po' di cultura su una piazza che a ben guardare non fa molto per dare lustro e diffondere la cultura letteraria. Se solo ci fosse un interesse da parte delle pubbliche autorità a partecipare e a favorire il progetto per aumentare il richiamo verso gli incontri del giovedì sera e  per far spazio soltanto alla letteratura con la " L " maiuscola. “Di MauroPartecipare agli incontri del Circolo significa uscire dalla solitudine del lettore per confrontarsi, quando se ne ha voglia, con altri lettori e scoprire assonanze impreviste con persone di retaggi diversi. E’ un’ occasione per riappropriarsi di una pausa per riflettere a 360° in libertà, grazie ad un libro e al suo autore. Quello che più stupisce,sovente anche lo stesso scrittore presentato, è la magia dei punti di vista accordati con l’esperienza personale. Di un testo letterario si colgono colori e sfumature legate al momento in cui si legge e,a volte,si rischia di perderne altre senza il recupero dato dal rileggere o dal poterne discutere”. CattarullaSono da pochi mesi membro del Circolo Letture Corsare ma ho percepito da subito il clima amichevole e culturalmente intrigante che aleggia ad ogni presentazione o incontro. Un susseguirsi di iniziative, proposte, novità che lasciano sempre un retrogusto di potenziale miglioramento ed espansione. Credo che i cittadini di Borgaro, e non solo, dovrebbero essere grati ai  fondatori del Circolo e a chi collabora perché questo possa continuare nella sua opera divulgativa. E sono sicuro che tutti apprezzanoQuale lo scrittore o scrittrice  ti ha più colpito di quelli presentati? De Vecchi "La distanza che ci divide" di Emanuele Serra. Atmosfera coinvolgente e accogliente, complice probabilmente la presenza delle attrici che hanno letto i brani e dei suoni febbrili di chitarra che  riempivano  la sede del circolo. Un libro adatto a generazioni diverse tra loro che si ritrovano in un unico libro, quello di Serra, che è stato in grado di dare non solo una visione dettagliata e critica di alcuni avvenimenti importanti, come il G8 per esempio, ma un variegato disegno del concetto di "distanza" nelle sue diverse forme, dallo spazio al tempo, dall'amore all'amicizia..”Bechis Come ha detto Doriana,nell'incontro con Serra si è creata un'atmosfera davvero coinvolgente. Sono stato favorevolmente colpito da Cacciolati con " La digestione del personale ". Forse perchè si avvicina molto alle mie corde ed alla mia esperienza di quasi trent’anni di lavoro. Oltre le vicende del racconto, nel libro di Cacciolati ci sono numerosi spunti sulla vita lavorativa e sulle sue aberrazioni. Quelle cresciute, in buona parte, sul modello capitalistico americano importato acriticamente anche nel nostro Paese e miseramente squagliatesi dopo la breve esplosione e la fine della New Economy.”Di Mauro Purtroppo,la recente partecipazione al Circolo non mi permette di dire quale scrittore di quelli presentati mi ha più colpito. Mi viene in mente solo Favetto di circa un anno fa. Ricordo il mio intervento e la soddisfazione che tra i presenti trovai qualcuno che apertamente condivideva le mie opinioni. Sono stata contenta di aver ritrovata la stessa persona tra i corsari”. CattarullaSono rimasto piacevolmente sorpreso dal libro di Antonella Griseri, Tecla. Un libro straordinariamente avvincente e meticoloso, equilibrato ma ricco di colpi di scena. Un’opera che ho avuto l’onore di presentare nel mese di maggio”Ai lettori del NSC uno o più consigli di lettura per questa estate? De Vecchi.I libri che consiglio non sono di recente edizione: Uto di Andrea De Carlo: la storia di un giovane pianista fuori dal comune, ribelle, introverso e per certi versi crudele. Un libro che racconta uno spaccato del quotidiano fatto di famiglia, amici, gelosie, invidie e le difficoltà di mantenere l'equilibrio dei rapporti umani che vengono spezzati, ricuciti, protetti. Il secondo libro che propongo è "La lunga marcia" di Stephen King, una scarica di adrenalina e tensione da ingurgitare tutta d'un fiato. Un libro dissacrante che scava nella psicologia sconvolta dei protagonistii, dove l'istinto di sopravvivenza e lo stress mentale delineano la metafora della vita stessa. Un pugno nello stomaco che vi terrà decisamente con il fiato sospeso”. Bechis Propongo il  saggio di Luca Mercalli " Che tempo che farà ". Mercalli ha la felice dote di conciliare il timbro di scienziato e divulgatore di aspetti scientifici legati alla meteorologia con il suo impegno e la sua sensibilità verso i temi d'attualità dell'ecologia e della conservazione del nostro pianeta. Il suo è un richiamo a confrontarsi continuamente con gli aspetti più crudi della trasformazionee della manipolazione da parte dell'uomo della nostra madre Terra.” Di MauroUna lettura estiva che consiglierei è “La Parete”  di Marlene Haushofer  edizioni e/o. E’ un romanzo scritto nel 1963.In seguito al verificarsi di un misterioso fenomeno,l’improvvisa apparizione di una parete trasparente che la isola dal resto del mondo (forse dove è avvenuto un disastro ecologico),una donna si trova costretta ad organizzarsi una nuova vita tra le montagne. Con lei ci sono solo animali. Lentamente si trasforma nel fisico e nello spirito,la vita di prima svanisce nel ricordo. Ma la solitudine,che ora è manifesta, c’era anche prima in mezzo agli altri.. Il racconto si arricchisce di suspense e di avventura che non lasciano annoiare il lettore anche grazie ad un linguaggio armonioso che ritrae immagini ed emozioni. Un libro che a distanza di anni non si dimentica.”. CattarullaConsiglio Tecla ovviamente, poi un classico di S. King che non fa mai male come per esempio Carrie o Dolores Claiborne. E ci sta bene anche Storie Cattive
!”.Dopo questi consigli non ci resta che dare appuntamento ai “Corsari Letterari” di Borgaro a Settembre con altre interessanti proposte. Dario De Vecchis

 

Circolo Letture Corsare @ IL CANAVESE

Standard

Ecco una nuova piccola soddisfazione per il nostro Circolo. Parla di noi e della nostra cena con presentazione del libro di ricette vegetariane Il Canavese.

IlCanaveseCircoloLettureCorsareCenaVegetariana2010marzo24

Nell’articolo si legge:

TUTTI A CENA CON LA LETTURA…
 
Borgaro (lsd) Gli ospiti dell’appuntamento organizzato dal "Circolo Letture Corsare" e da "Parole & Musica" all’inizio erano perplessi. D’altronde alla cena del 19 marzo, avvenuta alla Trattoria della Posta (zona stazione) il primo piatto è stata la frutta servita a cubetti su stuzzicadenti. Poi "cruditè" e il divieto di usare sale o mangiare pane. Tutto normale perchè l’evento era in realtà una presentazione letteraria: "abbiamo iniziato l’avventura di proporre alle cene libri che parlano anche di cibo, come quelli indimenticabili di Camilleri, ed è stato apprezzato – ha detto Dario De Vecchis – questa sera presentiamo allora il testo "Natura a Tavola" di Anna Maria Castagneri, fautrice dell’igienismo alimentare".
La scrittrice ha illustrato personalmente tutte le fasi della inusuale cena volta al riportare all’equilibrio fisico le persone tramite la riscoperta del vegetarianesimo e del crudismo. Ad accettare la sfida in cucina sono stati i giovani gestori della trattoria Alessandra e Mirko a lungo applauditi. Se lo meritavano perchè sono riusciti a dare gusto alle vivande pur con mille divieti e prescrizioni. Un evento che, tra la lettura di pagine, le spiegazioni filosofiche, e il mangiare strano, ha stupito positivamente un po’ tutti.

Letture Corsare + Cacciolati @ Risveglio

Standard

I giornali locali parlano ancora di noi! Ecco l’articolo apparso sul Risveglio recante immagine e la recensione della presentazione presso il Circolo Letture Corsare del libro di Paolo Cacciolati! Grazie ancora ai collaboratori del Risveglio per la loro costante e quanto mai speciale collaborazione.

IlRisveglioCacciolaticronacaserata18022010

Nell’articolo si legge:

BORGARO: Il libro presentato: "Digestione del personale"

Apparentemente un noir, che si apre con un omicidio ma che in realtà un noir non è. Quello presentato giovedì scorso, dal Circolo "Letture Corsare", è stato piuttosto un viaggio nel mondo del lavoro, con tutte le sue incongruenze e le sue aberrazioni. "Digestione del personale", di Paolo Cacciolati, parla del quotidiano della realtà lavorativa, delle figure (dai venditori ai motivatori) che popolano le aziende e i luoghi di lavoro. Uno spaccato di attualità, condito da buone dosi di ironia e disincanto, con cui vengono messi alla berlina, per esempio, giornali e certe forze dell’ordine. Una piccola perla pescata nell’infinito mare dell’editoria, e alla quale il circolo borgarese, grazie agli interventi di Andrea Borla e Dario De Vecchis, ha contribuito a dare il giusto riconoscimento. (l.b.).

Cronaca della presentazione del libro di Cacciolati al Circolo Letture Corsare

Standard

Grande successo al Circolo Letture Corsare di Borgaro Torinese del libro di Paolo Cacciolati dal titolo "Digestione del personale". Troviamo infatti la recensione e le immagini su questo sito:

 

nel testo si legge:

 

Paolo Cacciolati – La di-gestione del personale

Il 19 febbraio presso il Circolo Letture Corsare è venuta la volta Paolo Cacciolati, con il suo "La di-gestione del personale" (TEA). Dopo la pagina su La Stampa Paolo fa tappa a Borgaro con un libro incentrato non tanto sul lavoro, inteso come attività svolta da un lavoratore, quanto su tutto ciò che ruota attorno a esso. Il protagonista del romanzo, Mirco Michichi, è un formatore, consulente e motivatore. Tiene un corso dal titolo "Generatori di entusiasmo". È positivo, affascinante, convinto dei messaggi che lancia. Ed è per questo che è molto strano vederlo aggirarsi per i corridoi vuoti di un’azienda dopo un omicidio.
Cacciolati si è dichiarato lontano dall’atteggiamento e dalle idee del protagonista, soprattutto sulla sua mania di utilizzare citazioni e gergo aziendale, e in particolare sull’atteggiamento che dimostra verso le donne. Non sempre ciò che l’autore vuole trasmettere passa attraverso un messaggio diretto, ma prede a volte la direzione dell’opposto, dell’affermare per negare. Michichi ripercorre la sua vita attraverso gli appuntamenti registrati sull’agenda elettronica, un segno dei tempi che ha in sé qualcosa di inquietante. La distanza tra lavoro e privato è azzerata, l’identità dell’uomo e del lavoratore si sovrappongono, la schizofrenia emerge in crescendo a ogni pagina del libro e porta verso un finale inaspettatamente lucido.
Il tempismo dell’uscita del libro in contemporanea con il film "Tra le nuvole" in cui George Clooney interpreta un tagliatore di teste lascia l’amaro in bocca, ma è in linea con le necessità del mercato editoriale. E alla fine, se le necessità altrui portano un beneficio a noi stessi, sono sicuramente ben accette.

Ecco le immagini della serata:

18022010324

Cacciolati19022010

Altre informazioni le trovate anche qui:

http://www.kultunderground.org/articoli.asp?art=1551

BUONA LETTURA E… VENITE A TROVARCI NUMEROSI. VI ASPETTIAMO!

http://inprimapersona.blogspot.com/2010/02/paolo-cacciolati-la-di-gestione-del.html