Archivi tag: recensione libri

ECO DEL LIBRO – CIRCOLO LETTURE CORSARE – RECENSIONE L'AMORE CI FARA' A PEZZI

Standard

Un'estate di libri è quella che ci propone il Circolo Letture Corsare con la rubrica Eco del Libro del giornale Eco di Torino.
Questa è la volta di Dario De Vecchis che ci propone il libro "L'amore ci farà a pezzi" di Andrea Malabaila

cacciolati eco di torino
Link diretto all'articolo:

http://www.ecoditorino.org/recensione-lamore-ci-fara-a-pezzi-di-andrea-malabaila-eco-del-libro.htm
Nell'articolo si legge:

 

Recensione: L’amore ci farà a pezzi, di Andrea Malabaila (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-lamore-ci-fara-a-pezzi-di-andrea-malabaila-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

31 / 05 / 2011 – Recensione numero trentacinque per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

L’amore può essere definito un campo da tennis? Leggendo il romanzo di Andrea Malabaila “L’Amore ci farà a pezzi” potremmo anche tentare di concordare con tale raffigurazione, anche se non ci piace questa sorta di sfida a due nella quale l’avversario, in questo caso la donna che si ama, può diventare odioso durante il gioco. Ma che amore è quello che con il tempo rischia solo di diventare un’ossessione? Il libro è il tentativo di delineare una storia amorosa che si svolge ai nostri giorni. Nasce attraverso il mondo virtuale delle chat e cresce sui campi da tennis, con riferimenti e parallelismi sulla vita che scorre inesorabile. Al centro del racconto un tennista italiano, Andy, ormai al termine della sua carriera, fatta di scarsi acuti e molte sconfitte dovute anche al suo carattere, e una ragazza tedesca, Monika, anche lei tennista, che, al contrario, sta scalando le classifiche di uno dei giochi più belli al mondo. La trama della vicenda piena di romanticismo ripropone i rituali tormenti, le cocenti passioni, le smodate gioie e amare depressioni che accompagneranno i due protagonisti. Può apparire stucchevole e con poca dinamica il testo ma gustatelo perché riesce a scavare nei luoghi più oscuri dei sentimenti umani, soprattutto nelle visioni letterarie di Malabaila, che diventano una piacevole scoperta. La sensazione per chi leggerà il libro è quella di trovarsi davanti ad una articolata e complessa maturità di un giovane scrittore trentenne disincantato e conscio delle difficoltà che la vita riserva. Non ci sono solo facili conquiste, ma anche quelle tormentate, nonché prolungate battute d’arresto, dalle quali l’unico obiettivo è quello di riemergere per riprendere la strada….

(Dario De Vecchis)

L’amore ci farà a pezzi
di Andrea Malabaila
Azimut
160 pagine
11 euro

Annunci

RECENSIONE LIBRO: LE APPARENZE ALL'ALBA

Standard

Ecco una nuova recensione di libro apparsa su Eco di Torino nella rubrica Eco del Libro:

cacciolati eco di torinolink diretto all'articolo: http://www.ecoditorino.org/recensione-le-apparenze-dellalba-di-teodora-trevisan-eco-del-libro.htm
nell'articolo si legge:

Recensione: Le Apparenze dell’Alba, di Teodora Trevisan (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-le-apparenze-dellalba-di-teodora-trevisan-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

24 / 05 / 2011 – Recensione numero trentaquattro per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

Le Apparenze dell’Alba” un titolo accattivante per un noir, un bel noir della scrittrice veneziana ma torinese di adozione Teodora Trevisan. Fin dall’incipit il racconto attrae il lettore. E’ l’alba di un giorno freddo e Agnese, una anziana signora, va a buttare la spazzatura, ma alzando il cassonetto della raccolta dei rifiuti trova un braccio dal quale spicca un’unghia laccata di rosso. Un urlo e poi il ritorno a casa. Agnese vive in un appartamento di un condominio a Grugliasco , è sola e riflette su quella visione. Una visione alla quale nessuno crede ad iniziare da suo figlio Ernesto, un ex professore che ha deciso di interrompere la sua carriera scolastica e rifugiarsi tra i boschi del pinerolese con la sua compagna Silvia per intraprendere il mestiere di ebanista. Il racconto sovrappone più trame, trame di vita quotidiana di personaggi che vivono nel condominio di Agnese, clienti di Ernesto e amici e parenti dei protagonisti. Tra questi c’è il ricco imprenditore Grasso e la sua oscura moglie che commissiona ad Ernesto la ristrutturazione di una bella villa, l’odioso vicino di casa Pignataro e l’ex commissario Parisi che vive anche lui nel condominio di Agnese e al quale viene recapitata una lettera anonima. Nell’intreccio delle storie si inserisce una voce misteriosa femminile che scandisce gli avvenimenti, che appare forviante ma che traccia le coincidenze, i piccoli misteri, le stranezze e i timori delle vicende che ruotano attorno ai personaggi. Quel braccio e il suo mistero sta sullo sfondo di un racconto che è gustoso nelle sue descrizioni di Torino, della sua periferia e del territorio di provincia ma anche degli ambienti casalinghi nei quali vivono i personaggi. Con gusto Trevisan descrive gli ambienti con quelle spigolature frutto della sua professione che la vede impegnata nel suo lavoro come esperta di pubblicazioni enogastronomiche e di divulgazione scientifica in agricoltura. Un libro da leggere con leggerezza e magari con un buon sorso di vino e perché no pensando di essere nella stanza dei libri della casa di Ernesto e Silvia. Buona lettura!

(Mauro Colliandro)

Le Apparenze dell’Alba
di Teodora Trevisan
Neos Edizioni
164 pagine
15 euro

ECO DEL LIBRO – CIRCOLO LETTURE CORSARE – RECENSIONE LIBRO MILLE ANNI CHE STO QUI

Standard

Dopo una piccola pausa ecco che prosegue la fervida ed interessante collaborazione del Circolo Letture corsare con l'Eco del libro, nota rubrica di recensione di libri organizzata e promossa dal giornale "Eco di Torino".
Questa è la volta di Dario De Vecchis che ci propone il libro "Mille anni che sto qui" di Mariolina Venezia.

cacciolati eco di torino

Link diretto all'articolo:

http://www.ecoditorino.org/recensione-mille-anni-che-sto-qui-di-mariolina-venezia-eco-del-libro.htm

Nell'articolo si legge:

Recensione: Mille anni che sto qui, di Mariolina Venezia (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-mille-anni-che-sto-qui-di-mariolina-venezia-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

10 / 05 / 2011 – Recensione numero trentatre per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

E’ questione di tempo… Quanto è lungo il nostro tempo? La nostra vita e le tante vite che le passano accanto e vivono brevi o lunghi momenti, quanta capacità hanno di dare un senso alle azioni che producono? La staticità dell’ambiente è sinonimo di durezza o di forte fragilità? Le domande si affollano alla fine della lettura del bel romanzo di Mariolina Venezia “Mille anni che sto qui”. Quando si legge questo romanzo storico si pensa che il paese di Grottole, in Lucania, non sia poi tanto diverso dal paese dove si è nati, o da quello nel quale si è vissuto o si vive. Si pensa alla propria famiglia, numerosa e antica nel caso di nonna Candida, la protagonista del racconto, con quasi due secoli di storie tramandate, celate, rilevate o stravolte per convenienza. Nelle vicende della famiglia di Candida, protagoniste positive sono le donne, anche se si piegano all’idea del maschio padrone. La società raccontata è senza dubbio maschilista; l’uomo conta, decide, come nel caso di don Francesco che sposa la contadina amante Concetta, la quale dopo sei femmine partorisce l’unico maschio; e per ironia della sorte, da adulto, amerà farsi fotografare da donna! Al contrario, le donne di Grottole legano la comunità nei vari ricordi di Candida. Le donne regnano, con amori e dolori che attraversano la storia del paese lucano, dell’Italia e del mondo, dall’unità della nostra nazione alla caduta del muro di Berlino. Candida tesse una tela come una novella Parca di tutti i personaggi, racconta la vita e la morte nel gioco naturale che esalta soprattutto gli anziani come i custodi preziosi della memoria. E’ stata brava Mariolina Venezia a intrecciare queste storie, con uno stile che solca i migliori tratti della letteratura meridionale e nazionale. Racconti che si bagnano nel verismo e nella poesia, con diversi tratti di “realismo magico”. Mariolina Venezia ci da anche una visione diun Sud che subisce le trasformazioni con storie di padroni e cafoni, di uomini e donne. Storie di emigranti che, partendo, portano con loro la propria terra e la voglia di riscatto, ma che ritornandovi non ne ritrovano la purezza. Come nel caso dell’amara constatazione di Gioia, la nipote di Candida, che al ritorno a Grottole non trova più campagna a perdita d’occhio ma alla sua vista si interpone sempre qualcosa: un pilone, un cartellone pubblicitario, oggetti di “sviluppo” senza anima.

(Dario De Vecchis)

Mille anni che sto qui
di Mariolina Venezia
Einaudi
224 pagine
15 euro

ECO DEL LIBRO – CIRCOLO LETTURE CORSARE – RECENSIONE LIBRO RITORNO A CASA

Standard

Ecco una nuova recensine di libri apparsa sul giornale Eco di Torino in collaborazione con lo staff del nostro circolo letture corsare. quseta è la volta di Dario De Vecchis che ci propone il libro Ritorno a casa di N. Radojcickane

cacciolati eco di torinoLink diretto all'articolo:
http://www.ecoditorino.org/recensione-ritorno-a-casa-di-natasha-radojcic-kane-eco-del-libro.htm
nell'articolo si legge:

 

Recensione: Ritorno a casa, di Natasha Radojcic-Kane (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-ritorno-a-casa-di-natasha-radojcic-kane-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

07 / 06 / 2011 – Recensione numero trentasei per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

Un libro dal sapore amaro quello che vi proponiamo e che ricorda la guerra nei Balcani scoppiata vent’anni fa. "Ritorno a casa", della scrittrice slava Natasha Radojcic-Kane, è un'opera letteraria che riflette sul dopoguerra e sugli enormi strascichi che porta nelle esistenze di chi ha subito il conflitto e cerca un riscatto che non trova. Il protagonista del libro, Halid, ha infatti molti conti in sospeso nel suo paese e il ritorno a casa sarà pieno di momenti amari e pieni di riflessioni. Halid è un soldato che torna da Sarajevo fregiandosi del titolo di eroe ma così non è. Fa i conti con una realtà che nonostante le vicende della guerra è rimasta immutata nelle sue divisioni religiose, politiche e razziali. Halid ha voglia di cambiare ma non può e forse non vuole liberarsi del passato; ha voglia di incontrare la madre ma l'arrivo a casa è ritardato di continuo da diversioni e incontri di vecchi amici, nemici e amori. Ha con se infatti molti soldi che sono frutto di una brutta vicenda avvenuta in prima linea. Si vuole disfare di quel bottino macchiato di sangue, del giovane sangue di una donna. Pensa di riscattare con i soldi un figlio mai riconosciuto ad una donna che lo tiene in ostaggio. Non vi riesce e allora gioca una terribile partita a carte con l'avversario più terribile: il capo degli zingari del villaggio. Un uomo attorniato da persone temibili e giovani donne disposte a tutto. Gioca e perde. Capisce così che nessuno vuole capire il suo dramma e l'unica motivazione delle persone che gli sono accanto è quella di togliergli il suo tesoro.
Questa opera prima della Radojcic-Kane, è sicuramente un ottimo libro scritto con freddezza, in uno stile rigoroso per i fatti e i gesti raccontati e ci da sicuramente con lucidità il quadro di una Bosnia ancora oggi attaversata dall'odio e da una guerra che “brucia sotto la cenere”.

(Dario De Vecchis)

Ritorno a casa
di Natasha Radojcic-Kane
Adelphi
176 pagine
13,50 euro

ECO DEL LIBRO –> CIRCOLO LETTURE CORSARE per "Il cavallo a dondolo"

Standard

Continua il consueto ma mai solito appuntamento con le recensioni di libri "Eco del Libro" per il giornale multimediale "Eco di Torino", coordinato con il supporto del nostro validissimo staff del Circolo Letture Corsare
Questa è la volta di Mauro  Colliandro che ci propone il libro "Il cavallo a dondolo" di Enrico Job.

cacciolati eco di torinoLink diretto all'articolo: http://www.ecoditorino.org/recensione-il-cavallo-a-dondolo-di-job-enrico-eco-del-libro.htm

nell'articolo si legge:

Recensione: Il Cavallo a dondolo, di Enrico Job (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-il-cavallo-a-dondolo-di-job-enrico-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

03 / 05 / 2011 – Recensione numero trentuno per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

Vi proponiamo una storia d’amore, un’amore intenso, tragico e amaro. Una storia d’amore che va oltre la vita e che nella vita si è alimentata con il ricordo, anche dopo le vicende materiali del rapporto. Ambientata in parallelo tra il 1861 e il 1901, a Venezia, la storia è quella di un uomo, prima giovane e povero istitutore veneziano di nobile famiglia decaduta e poi anziano professore attanagliato dalla nostalgia. Achille, il nome del protagonista, da giovanissimo partecipa come volontario garibaldino alla guerra d’indipendenza. Il ricordo della battaglia, del sapore della morte, ritorna. I pensieri rimangono indelebili nella sua mente, anche nei momenti più felici della sua intensa vita. Le disgrazie e le avversità economiche, con la morte del padre, fanno cadere in disgrazia la sua famiglia. La madre trova ospitalità dalla sorella e il giovane viene assunto come istitutore presso i Zanin, ricca e nobile famiglia veneziana. Si invaghisce della contessa Lia, una giovane donna dì circa trent'anni. Il ragazzo è subito preda di una passione che travolgerà anche la donna, in un rapporto intensamente erotico, ma per il ragazzo carico d'amore. Un sentimento che l'amante, affetta da ninfomania, non prova o almeno non crede di provare e nel mezzo di una vacanza lascerà lui per inseguire le sue pulsazioni erotiche. Molti anni dopo Achille sposato e padre di tre figlie, vive ancora il ricordo della splendida Lia e dell’ultimo incontro avvenuto con la donna nella stanza di un manicomio. L’anziano Achille, deluso, trova conforto e un senso alla sua vita nelle sue bambine e nell'incanto della loro giovane età. La storia arriva ai giorni nostri nella vecchia casa di campagna di Achille, dove si aggirano i fantasmi dell’uomo e della sua famiglia. Le loro voci rendono note le future felici vicende ma anche l’infelicità della figlia minore di Achille, pure lei lì, ombra come lui. Quella piccola divenuta con il tempo madre della voce narrante della storia che ha un grande desiderio, stare accanto al fantasma materno e giocare con quel cavallo a dondolo, custodito nella soffitta. Questa è la storia de “Il Cavallo a dondolo”, buon libro scritto da Enrico Job con grande eleganza. Raffinato ed elegante, dobbiamo sottolineare di Job anche la pregevole fattura stilistica nella descrizione dell’epoca, in particolare gli ambienti e i paesaggi immersi nell'Italia post risorgimentale e di inizio Novecento.

(Mauro Colliandro)

Il Cavallo a dondolo
di Enrico Job
Frassinelli
152 pagine
16 euro

ECO DEL LIBRO –> CIRCOLO LETTURE CORSARE per La terra dei gamberi e dei balanta

Standard

31 ^ esima recensione di libri per la rubrica "Eco del Libro" promossa dall'Eco di Torino in collaborazione con l'attivissimo circolo letterario Borgarese "Circolo Letture Corsare". Questa è la volta del nostro capitano corsaro Dario De Vecchis che ci propone il libro "La terra dei gamberi e i sentieri dei Balanta" di Daniele Chiarella, Guerrino Babbini e padre Armando Cossa.

cacciolati eco di torino
Link diretto all'articolo: http://www.ecoditorino.org/recensione-la-terra-dei-gamberi-e-i-sentieri-dei-balanta-di-chiarella-babbini-cossa-eco-del-libro.htm

nell'articolo si legge:

Recensione: La Terra dei Gamberi e i Sentieri dei Balanta, di Chiarella-Babbini-Cossa (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-la-terra-dei-gamberi-e-i-sentieri-dei-balanta-di-chiarella-babbini-cossa-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

26 / 04 / 2011 – Recensione numero trentuno per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

Parole e Musica edizioni, la casa editrice di Borgaro Torinese annuncia l’uscita di un nuovo libro che si affianca ai nove già pubblicati in sei anni: di Daniele Chiarella, Guerrino Babbini e padre Armando Cossa, “La Terra dei Gamberi e i Sentieri dei Balanta”.
120 pagine nelle quali gli autori raccontano le loro esperienze africane in Camerun e in Guinea. Un libro scritto da persone che sanno mettersi in gioco e che non si fanno problemi. Si sono incontrati e hanno detto “scriviamo quello che abbiamo visto con i nostri occhi, quello che abbiamo provato e quello che possiamo costruire per l’Africa”.
Già, costruire per l’Africa! Un obiettivo che per Chiarella, tornato dal Camerun dove ha fatto conoscere la canzone d’autore italiana e suonato con bravi musicisti locali, è diventato un chiodo fisso. Raccogliere fondi per comprare strumenti e donarli ai musicisti camerunesi, per aprire scuole di musica ma non solo. Daniele Chiarella ricorda infatti che “in particolar modo serviranno a finanziare un progetto di stampa di un opuscolo da colorare destinato ai bambini delle scuole inferiori africane con l’intento di divulgare 5 semplici regole di igiene basilare per diffondere e propagandare una cultura di salute e pulizia anche in condizioni disagiate”.
Il libro porterà il lettore a conoscere anche l’impegno di Babbini, e i suoi amici di “Abalalite”, portato avanti in Guinea, insieme alla popolazione dei Balanta Brassa. Di questi ultimi padre Armando descrive al meglio le tradizioni.
L'obiettivo, oltre a coinvolgere i lettori in un atmosfera unica, è quello di raccogliere fondi destinati ai progetti in Guinea e in Camerun. Gli autori sottolineano anche che “non tragga in inganno la prima parte del titolo “La terra dei Gamberi…” non vogliamo arretrare anzi la nostra volontà è quella di camminare fianco a fianco a queste popolazioni con reciproca dignità e rispetto”.

(Dario De Vecchis)

La Terra dei Gamberi e i Sentieri dei Balanta
di Daniele Chiarella, Guerrino Babbini e padre Armando Cossa
Parole e Musica edizioni
120 pagine
5 euro

CIRCOLO LETTURE CORSARE –> ECO DEL LIBRO per SOLEA di J.RIZZO

Standard

Sempre puntuale e sempre ricco di novità è l'appuntamento con la rubrica di recensione di libri "Eco del Libro" nato dalla collaborazione tra il giornale multimediale L'Eco di Torino e lo staff del Circolo Letture Corsare.

Questa è la volta di Mauro Colliandro che ci propone il libro "Solea" di Jean Claude Izzo

cacciolati eco di torino
Link diretto all'articolo: http://www.ecoditorino.org/recensione-solea-di-jean-claude-izzo-eco-del-libro.htm

nell'articolo si legge:

Recensione: Solea, di Jean Claude Izzo (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-solea-di-jean-claude-izzo-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

19 / 04 / 2011 – Recensione numero trenta per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

Solea, un meraviglioso pezzo di Miles Davis, è il titolo di un “gustoso” libro di Jean Claude Izzo, il grande scrittore marsigliese che in molti rimpiangono per la sua morte precoce. Nel libro, che fa parte di una trilogia, pubblicato dalle Edizioni e/o, ritroviamo tutta la carica umana dello scrittore e dei personaggi che ha creato negli anni e che hanno come scenario costante Marsiglia e la sua realtà urbana. Una città ricca di descrizioni chiaroscure che ci incanta ogni volta che incontriamo i libri di Izzo. La vicenda questa volta parte da un antefatto per poi entrare nel racconto vero e proprio. Un antefatto che vede come protagonista Babette giornalista free-lance che con caparbietà e costanza segue da tempo una inchiesta sulla Mafia. Questo suo impegno è preso di mira dall’organizzazione criminale che per arrivare all’obiettivo di uccidere la donna ne segue le tracce tra Italia e Francia seminando attorno a lei una lunga scia di sangue di amici e conoscenti. La mafia per colpire lei la cerca anche nella città natale di Marsiglia sperando di far parlare con i suoi metodi un suo grande amico: Fabio Montale. L’uomo è un ex poliziotto, quasi anarchico vive una vita alla giornata senza troppi obiettivi ma con la consapevolezza di volersi lasciare alle spalle quel puzzo di morte che lo perseguita da anni. Ha alcuni amici fedeli, locali semplici dove rifugiarsi, ascoltare musica jazz e bere pastis, luoghi dell’anima e pochi ma intensi amori che lo cullano, inebriano ma che sono il frutto della sua costante tristezza. Le donne: quella ideale Lole che lo ha lasciato e quella fatale Sonia uccisa da sicari mafiosi per spregio. Donne come il commissario Héléne Pessarye che comprende quello che Montale nasconde perché vuole farsi giustizia da solo della morte di Sonia. La trama è un susseguirsi di colpi di scena ma è ricca di spunti di riflessione sulla nostra società contemporanea che arricchiscono la lettura e che potrebbero essere da soli spunto per altri libri. C’è poi un dato che ci fa piacere far emergere della scrittura di Izzo: i richiami al sud dell’Italia che lui intreccia con quelli del sud della Francia facendo così cadere tanti steccati e pregiudizi tra italiani e francesi. Gustosa quanto mai per uno scrittore di noir anche la descrizione di piatti e bevande come ci hanno abituati ad assaporare altri campioni di questo filone come Camilleri, Montalbano o il mitico Rex Stout creatore di Nero Wolfe. Leggetelo, godetevelo!

(Mauro Colliandro)

Solea
di Jean Claude Izzo
Edizioni e/o
225 pagine
8 euro