Archivi categoria: Senza categoria

Digressione

Consiglio d’Autore, la nuova rassegna del Circolo Letture Corsare di Borgaro  

Il Circolo Letture Corsare inizia giovedì una nuova “avventura” letteraria. Questa volta propone la rassegna dal titolo “Consiglio d’Autore” organizzata appunto nella Sala del Consiglio Comunale di Borgaro e patrocinata dall’Amministrazione Comunale di Borgaro T.se -in particolare dall’assessore alla cultura Fabrizio Chiancone-.

Ogni secondo venerdì del mese verrà proposto un’autore o autrice del territorio fino a maggio 2012, con l’idea di poter presentare scrittori che non hanno alle spalle una grossa notorietà ma che rappresentano una buona risorsa letteraria per il nostro territorio.

Si inizia con il libro“Ultimi fuochi per Paludi” di Fabio Beccaccini, edito casa editrice Fratelli Frilli, presentato da Fabrizio Fulio Bragoni e Andrea Borla. Alla serata sarà presente l’autore.

Giovedì 17 novembre 2011 ore 21
Sala Consigliare di Borgaro Torinese
Piazza Europa
ingresso libero

Prosegui la lettura sul sito de L’Eco di Torino
http://www.ecoditorino.org/consiglio-dautore-la-nuova-rassegna-del-circolo-letture-corsare-di-borgaro-.htm

Consiglio d’Autore @ Eco di Torino

Annunci

CIRCOLO LETTURE CORSARE @ ECO DI TORINO PER RACCONTI CORSARI 2011

Standard

Ringraziando per la preziosa collaborazione il giornale Eco di Torino che da sempre spazio alle nostre attività culturali, ecco l’articolo che è apparso in occasione del concorso letterario nazionale Racconti Corsari 2011.

cacciolati eco di torinolink diretto all’articolo:

http://www.ecoditorino.org/premio-letterario-racconti-corsari-2011-terminate-iscrizioni-con-grande-partecipazione.htm

Nell’articolo si legge:

Premio letterario Racconti Corsari 2011, terminate iscrizioni con grande partecipazione

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/premio-letterario-racconti-corsari-2011-terminate-iscrizioni-con-grande-partecipazione.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

31 / 07 / 2011 – La prima fase della 7° edizione del Premio letterario “Racconti Corsari“, posticipata a metà del mese di luglio, si è conclusa con ottimi risultati di partecipazione. Un successo dovuto anche alle due presentazioni svolte alle Librerie Coop di Torino e Bologna.
Molti i racconti pervenuti, una sessantina, a questa edizione del concorso organizzato dal Circolo Berlinguer, Parole e Musica, con il patrocinio del comune di Caselle, sezione soci Coop di Borgaro e Ciriè, comitato territoriale Uisp e con le collaborazioni di altre associazioni regionali.


Vincitori e giuria edizione 2010

Tanti i racconti giunti da molte regioni italiane oltre che dal Piemonte, con una grossa presenza della Liguria, l’Emilia, la Campania, ma anche dall’estero con un testo giunto dall’Argentina!
La sezione più gettonata, come gli anni scorsi, è stata quella del tema libero rivolto agli scrittori sopra i 18 anni. I titoli dei racconti fanno ben sperare per qualità letteraria che già nelle edizioni passate aveva messo a dura prova giuria e comitati di lettura nella scelta dei vincitori. Una vera sorpresa la sezione dedicata alle fiabe per il copioso numero dei partecipanti, con una forte connotazione femminile.
Non sono mancati racconti scritti da alcuni vincitori e vincitrici delle edizioni passate. Unico dato in negativo, la scarsa partecipazione alla sezione under 18.


Librerie Coop Torino

A settembre partirà la seconda fase quando la giuria dei lettori e delle lettrici consegnerà le “terzine” dei racconti migliori alla giuria di qualità composta da cinque scrittori locali: Andrea Borla, Doriana De Vecchi, Robertino Bechis, Alessandro Del Gaudio e Guerrino Babbini. Gli scrittori entro fine settembre consegneranno il risultato finale con i nomi dei vincitori e la premiazione avverrà come di consueto a Caselle sabato 26 novembre.

Una edizione che per il sesto anno consecutivo è presieduta dallo scrittore e critico Gian Luca Favetto. Gli organizzatori del Premio esprimono molta soddisfazione per i risultati ottenuti.

ECO DEL LIBRO – CIRCOLO LETTURE CORSARE – RECENSIONE L'AMORE CI FARA' A PEZZI

Standard

Un'estate di libri è quella che ci propone il Circolo Letture Corsare con la rubrica Eco del Libro del giornale Eco di Torino.
Questa è la volta di Dario De Vecchis che ci propone il libro "L'amore ci farà a pezzi" di Andrea Malabaila

cacciolati eco di torino
Link diretto all'articolo:

http://www.ecoditorino.org/recensione-lamore-ci-fara-a-pezzi-di-andrea-malabaila-eco-del-libro.htm
Nell'articolo si legge:

 

Recensione: L’amore ci farà a pezzi, di Andrea Malabaila (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-lamore-ci-fara-a-pezzi-di-andrea-malabaila-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

31 / 05 / 2011 – Recensione numero trentacinque per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

L’amore può essere definito un campo da tennis? Leggendo il romanzo di Andrea Malabaila “L’Amore ci farà a pezzi” potremmo anche tentare di concordare con tale raffigurazione, anche se non ci piace questa sorta di sfida a due nella quale l’avversario, in questo caso la donna che si ama, può diventare odioso durante il gioco. Ma che amore è quello che con il tempo rischia solo di diventare un’ossessione? Il libro è il tentativo di delineare una storia amorosa che si svolge ai nostri giorni. Nasce attraverso il mondo virtuale delle chat e cresce sui campi da tennis, con riferimenti e parallelismi sulla vita che scorre inesorabile. Al centro del racconto un tennista italiano, Andy, ormai al termine della sua carriera, fatta di scarsi acuti e molte sconfitte dovute anche al suo carattere, e una ragazza tedesca, Monika, anche lei tennista, che, al contrario, sta scalando le classifiche di uno dei giochi più belli al mondo. La trama della vicenda piena di romanticismo ripropone i rituali tormenti, le cocenti passioni, le smodate gioie e amare depressioni che accompagneranno i due protagonisti. Può apparire stucchevole e con poca dinamica il testo ma gustatelo perché riesce a scavare nei luoghi più oscuri dei sentimenti umani, soprattutto nelle visioni letterarie di Malabaila, che diventano una piacevole scoperta. La sensazione per chi leggerà il libro è quella di trovarsi davanti ad una articolata e complessa maturità di un giovane scrittore trentenne disincantato e conscio delle difficoltà che la vita riserva. Non ci sono solo facili conquiste, ma anche quelle tormentate, nonché prolungate battute d’arresto, dalle quali l’unico obiettivo è quello di riemergere per riprendere la strada….

(Dario De Vecchis)

L’amore ci farà a pezzi
di Andrea Malabaila
Azimut
160 pagine
11 euro

RECENSIONE LIBRO: LE APPARENZE ALL'ALBA

Standard

Ecco una nuova recensione di libro apparsa su Eco di Torino nella rubrica Eco del Libro:

cacciolati eco di torinolink diretto all'articolo: http://www.ecoditorino.org/recensione-le-apparenze-dellalba-di-teodora-trevisan-eco-del-libro.htm
nell'articolo si legge:

Recensione: Le Apparenze dell’Alba, di Teodora Trevisan (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-le-apparenze-dellalba-di-teodora-trevisan-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

24 / 05 / 2011 – Recensione numero trentaquattro per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

Le Apparenze dell’Alba” un titolo accattivante per un noir, un bel noir della scrittrice veneziana ma torinese di adozione Teodora Trevisan. Fin dall’incipit il racconto attrae il lettore. E’ l’alba di un giorno freddo e Agnese, una anziana signora, va a buttare la spazzatura, ma alzando il cassonetto della raccolta dei rifiuti trova un braccio dal quale spicca un’unghia laccata di rosso. Un urlo e poi il ritorno a casa. Agnese vive in un appartamento di un condominio a Grugliasco , è sola e riflette su quella visione. Una visione alla quale nessuno crede ad iniziare da suo figlio Ernesto, un ex professore che ha deciso di interrompere la sua carriera scolastica e rifugiarsi tra i boschi del pinerolese con la sua compagna Silvia per intraprendere il mestiere di ebanista. Il racconto sovrappone più trame, trame di vita quotidiana di personaggi che vivono nel condominio di Agnese, clienti di Ernesto e amici e parenti dei protagonisti. Tra questi c’è il ricco imprenditore Grasso e la sua oscura moglie che commissiona ad Ernesto la ristrutturazione di una bella villa, l’odioso vicino di casa Pignataro e l’ex commissario Parisi che vive anche lui nel condominio di Agnese e al quale viene recapitata una lettera anonima. Nell’intreccio delle storie si inserisce una voce misteriosa femminile che scandisce gli avvenimenti, che appare forviante ma che traccia le coincidenze, i piccoli misteri, le stranezze e i timori delle vicende che ruotano attorno ai personaggi. Quel braccio e il suo mistero sta sullo sfondo di un racconto che è gustoso nelle sue descrizioni di Torino, della sua periferia e del territorio di provincia ma anche degli ambienti casalinghi nei quali vivono i personaggi. Con gusto Trevisan descrive gli ambienti con quelle spigolature frutto della sua professione che la vede impegnata nel suo lavoro come esperta di pubblicazioni enogastronomiche e di divulgazione scientifica in agricoltura. Un libro da leggere con leggerezza e magari con un buon sorso di vino e perché no pensando di essere nella stanza dei libri della casa di Ernesto e Silvia. Buona lettura!

(Mauro Colliandro)

Le Apparenze dell’Alba
di Teodora Trevisan
Neos Edizioni
164 pagine
15 euro

ECO DEL LIBRO – CIRCOLO LETTURE CORSARE – RECENSIONE LIBRO MILLE ANNI CHE STO QUI

Standard

Dopo una piccola pausa ecco che prosegue la fervida ed interessante collaborazione del Circolo Letture corsare con l'Eco del libro, nota rubrica di recensione di libri organizzata e promossa dal giornale "Eco di Torino".
Questa è la volta di Dario De Vecchis che ci propone il libro "Mille anni che sto qui" di Mariolina Venezia.

cacciolati eco di torino

Link diretto all'articolo:

http://www.ecoditorino.org/recensione-mille-anni-che-sto-qui-di-mariolina-venezia-eco-del-libro.htm

Nell'articolo si legge:

Recensione: Mille anni che sto qui, di Mariolina Venezia (Eco del Libro)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/recensione-mille-anni-che-sto-qui-di-mariolina-venezia-eco-del-libro.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

10 / 05 / 2011 – Recensione numero trentatre per il settimanale appuntamento con la lettura da noi consigliata, attraverso la rubrica "Eco del Libro".

E’ questione di tempo… Quanto è lungo il nostro tempo? La nostra vita e le tante vite che le passano accanto e vivono brevi o lunghi momenti, quanta capacità hanno di dare un senso alle azioni che producono? La staticità dell’ambiente è sinonimo di durezza o di forte fragilità? Le domande si affollano alla fine della lettura del bel romanzo di Mariolina Venezia “Mille anni che sto qui”. Quando si legge questo romanzo storico si pensa che il paese di Grottole, in Lucania, non sia poi tanto diverso dal paese dove si è nati, o da quello nel quale si è vissuto o si vive. Si pensa alla propria famiglia, numerosa e antica nel caso di nonna Candida, la protagonista del racconto, con quasi due secoli di storie tramandate, celate, rilevate o stravolte per convenienza. Nelle vicende della famiglia di Candida, protagoniste positive sono le donne, anche se si piegano all’idea del maschio padrone. La società raccontata è senza dubbio maschilista; l’uomo conta, decide, come nel caso di don Francesco che sposa la contadina amante Concetta, la quale dopo sei femmine partorisce l’unico maschio; e per ironia della sorte, da adulto, amerà farsi fotografare da donna! Al contrario, le donne di Grottole legano la comunità nei vari ricordi di Candida. Le donne regnano, con amori e dolori che attraversano la storia del paese lucano, dell’Italia e del mondo, dall’unità della nostra nazione alla caduta del muro di Berlino. Candida tesse una tela come una novella Parca di tutti i personaggi, racconta la vita e la morte nel gioco naturale che esalta soprattutto gli anziani come i custodi preziosi della memoria. E’ stata brava Mariolina Venezia a intrecciare queste storie, con uno stile che solca i migliori tratti della letteratura meridionale e nazionale. Racconti che si bagnano nel verismo e nella poesia, con diversi tratti di “realismo magico”. Mariolina Venezia ci da anche una visione diun Sud che subisce le trasformazioni con storie di padroni e cafoni, di uomini e donne. Storie di emigranti che, partendo, portano con loro la propria terra e la voglia di riscatto, ma che ritornandovi non ne ritrovano la purezza. Come nel caso dell’amara constatazione di Gioia, la nipote di Candida, che al ritorno a Grottole non trova più campagna a perdita d’occhio ma alla sua vista si interpone sempre qualcosa: un pilone, un cartellone pubblicitario, oggetti di “sviluppo” senza anima.

(Dario De Vecchis)

Mille anni che sto qui
di Mariolina Venezia
Einaudi
224 pagine
15 euro

CIRCOLO LETTURE CORSARE @ IL CANAVESE per Stile Lib(e)ro

Standard

La presentazione di giovedì 28 luglio ha raccolto l’attenzione anche del giornale “il Canavese”. Ecco l’articolo. Buona lettura.

CircoloLettureCorsareUispStileLiberoIlCanavese2011luglio20
Nell’articolo si legge:
CIRCOLO LETTURE CORSARE: PER PROMUOVERE LA LETTURA E I NUOVI SCRITTORI  A BORGARO ARRIVA “STILE LIB(E)RO”.
Il Circolo Letture corsare ha attivato una collaborazione con la Uisp River Borgaro per promuovere la lettura e i nuovi scrittori del territorio.Si chiama “Stile Lib(e)ro” ed ogni puntata si svolgerà presso la piscina comunale di Borgaro. Quest’estate saranno due le proposte interessanti “Avranno un filo rosso, spiegano dal circolo, ovvero la solidarietà verso l’Africa vista sotto diversi aspetti”. giovedì 28 luglio aèppuntamento a partire dalle ore 21 presso la terrazza della piscina comunale di Borgaro in via XX Settembre. con la presentazione del libro “La Terra dei Gamberi e i Sentieri dei Balanta” scritto da Daniele Chiarella, Guerrino Babbini e padre Armando Cossa e pubblicato recentemente  dalla “Edizioni Parole e Musica” .Babbini e Chiarella nel libro hanno raccontato le loro esperienze in Camerun e Guinea, e stimolati da Dario De Vecchis, che ha curato la prefazione del libro, illustreranno nell’incontro le motivazioni di questa esperienza editoriale che ha come scopo principale la raccolta di fondi in favore dei paesi africani. La seconda proposta di “Stile Lib(e)ro” è stata calendarizzata per giovedì 8 settembre, sempre sulla terrazza nella piscina di Borgaro, quando verrà presentato il libro “Bamako / Dakar, il silenzioso tour della solidarietà”, del giornalista della Gazzetta dello SPort Marco PAstonesi. Il libro è una sorta di diario scritto e accompagnato da belle immagini che raccontano l’esperienza del primo giro di ciclismo in Africa organizzato dalla Uisp nel 2010. Le presentazioni, come si può capire, sono finalizzate alla promozione di attività rivolte alle popolazioni africane. La cultura come mezzo di solidarietà si tratta davvero di una bella idea.

STILE LIB(E)RO – SU ECO DI TORINO

Standard

La Rassegna Stile Lib(e)ro ha avuto il consenso anche del giornale Eco di Torino:
cacciolati eco di torinoLink diretto all'articolo: http://www.ecoditorino.org/stile-libero-a-borgaro-presentazione-libri-in-piscina-28-luglio-e-8-settembre.htm
Nell'articolo si legge:

Stile Lib(e)ro, a Borgaro presentazione libri in piscina (28 luglio e 8 settembre)

<!– –>

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://www.ecoditorino.org/stile-libero-a-borgaro-presentazione-libri-in-piscina-28-luglio-e-8-settembre.htm&layout=box_count&show_faces=true&width=51&action=like&colorscheme=light&height=65&locale=it_IT

26 / 07 / 2011 – Si intitola “Stile Lib(e)ro” ed è la nuova idea che il Circolo Letture Corsare di Borgaro sperimenta all’interno delle sue attività di promozione alla lettura e alla ricerca di nuovi scrittori presenti sul territorio.

"Stile Lib(e)ro" è anche la volontà di coordinare e migliorare i rapporti da parte del circolo letterario con la realtà associativa borgarese; partner di questo percorso sar l’Uisp River Borgaro. L’associazione sportiva locale ha infatti chiesto attraverso a Letture Corsare di poter organizzare insieme, nella struttura della piscina comunale, alcune presentazioni di libri. L’idea ha avuto subito il conforto di una ricca proposta di eventi letterari da parte di Letture Corsare grazie al coinvolgimento di alcuni scrittori del territorio e ne è scaturita la rassegna letteraria che per questa estate propone due interessanti presentazioni di libri unite da un filo rosso comune: la solidarietà verso l’Africa.

La prima proposta che viene organizzata giovedì 28 luglio a partire dalle ore 21 presso la terrazza della piscina comunale di Borgaro in via XX Settembre per "Stile Lib(e)ro" sarà infatti la presentazione del libro “La Terra dei Gamberi e i Sentieri dei Balanta” scritto da Daniele Chiarella, Guerrino Babbini e padre Armando Cossa e pubblicato recentemente dalla “Edizioni Parole e Musica”. Babbini e Chiarella hanno raccontato delle loro esperienze in Camerun e Guinea; stimolati dagli organizzatori della serata illustreranno nell’incontro borgarese le motivazioni di questa esperienza editoriale che ha come scopo primario quella della raccolta fondi per progetti e iniziative in quei due paesi africani.

La seconda proposta di “Stile Lib(e)ro” è stata calendarizzata per giovedì 8 settembre sempre nella terrazza della piscina di Borgaro quando verrà presentato il libro “Bamako-Dakar. Il Silenzioso Tour della Solidarietà” del giornalista della Gazzetta dello Sport Marco Pastonesi. Il libro è una sorta di diario, integrato da belle immagini, che racconta l’esperienza del primo giro di ciclismo in Africa organizzato dalla Uisp nel 2010.

Caratteristica delle presentazioni, la ricerca di concrete attività pro-Africa svolte attraverso varie iniziative sul territorio, a carattere culturale, sportivo ma soprattutto solidale.

Appuntamenti quindi da non perdere e ricchi di passioni in perfetto “Stile Lib(e)ro” !

(Dario De Vecchis)

Dove?
Piscina Comunale Borgaro
via XX Settembre

Quando?
giovedì 28 luglio ore 21

Costo?
ingresso libero

<!– –>